Fegato, pelle e prurito


Siamo ufficialmente entrati nella stagione del Legno, rappresentato dalla Primavera.

In questo periodo, il corpo inizia a depurarsi in maniera naturale, a eliminare tossine fisiche ed emotive che non ci servono più.


L'elemento Legno per la Medicina Cinese è rappresentato dall'organo Fegato e dalla cistifellea. L'organo epatico svolge molte funzioni:


  • forma e gestisce gli zuccheri nell'organismo

  • produce la bile per emulsionare i grassi che ingeriamo così da rendere facile l'assorbimento per l'intestino

  • svolge importanti funzioni legate ai globuli rossi, alla coagulazione e al recupero del ferro

  • demolisce e cattura le sostanze tossiche, le famose tossine

  • interviene nella digestione delle proteine e i loro cataboliti


Queste sono le principali ma ne svolge anche altre minori. La cellula epatica è tra le più laboriose dell'organismo. In Primavera si rigenera e noi possiamo aiutarla in questo!


Pelle, prurito e fegato: che correlazione c'è?

Pochi collegano la pelle e i disturbi della pelle, come ad esempio il prurito, al fegato. Ebbene sì, la pelle viene considerato un organo emuntore, come il fegato e i reni, ovvero un organo deputato alla gestione ed eliminazione delle tossine.


Nel periodo primaverile, si accentuano i problemi legati alla pelle, come il prurito, proprio perchè la pelle entra in soccorso del fegato per eliminare le troppe tossine in circolo nel corpo.

Quando l'organo epatico non riesce da solo a far fronte alla gestione del carico tossico, chiede aiuto all'organo più grande del corpo, la pelle.


Il prurito, spesso è una manifestazione di un sovraccarico tossinico all'interno dell'organismo che può essere risolto soltanto agendo all'interno, aiutando il fegato ad alleggerirsi e depurarsi.

Un altro sintomo frequente con la stessa origine è il prurito agli occhi, il fastidio agli occhi o il bruciore. Anche gli occhi, per la Medicina Cinese, sono associati al fegato.


Quali sono i rimedi utili?

Per prima cosa qualche accorgimento alimentare che aiuta:


  1. evitare caffè e alcolici

  2. consumare saltuariamente cioccolato e solo fondente al 70% o più

  3. non consumare formaggi morbidi e limitare quelli stagionati

  4. preferire cereali integrali o semintegrali alla classica farina 00


E poi osservare queste emozioni se presenti e come ci fanno sentire:


  • rabbia frequente, espressa o trattenuta

  • umore variabile, che cambia velocemente

  • impazienza

  • fatica a stare fermi


Osservando se questi stati d'animo sono dentro di noi, possiamo sentire cosa ci limita, cosa ci blocca, cosa ci danneggia e come migliorare i nostri atteggiamenti.


Essere consapevole di come mi sento dentro e fuori, è il primo fondamentale passo per migliorare la mia vita

Se hai un sintomo fisico o un malessere emotivo, leggi cosa posso fare per te!

Non esiste età giusta in cui si può iniziare a prendersi cura di sé e a volersi bene.



RICHIEDI LA TUA CONSULENZA GRATUITA


Potrai raccontarmi ciò che vorresti risolvere e che più ti sta a cuore in questo momento.




Post recenti

Mostra tutti